Il medico che fa il giro del mondo in bici curando i più poveri

  • viaggio in bici

Ha vissuto un’avventura lunga sei anni percorrendo oltre 86mila chilometri. Per lui Europa, America, Asia e Africa non hanno più misteri o quasi. E’ tornato a casa nei giorni scorsi, ovviamente in sella alla sua compagna di viaggio, labicicletta.

Stephen Fabes è un medico londinese che nel gennaio 2010, all’epoca 29enne, ha salutato la sua famiglia e i suoi colleghi all’angolo del St Thomas’s hospital e ha iniziato a pedalare. Ha attraversato 75 Paesi,macinando chilometri su chilometri e utilizzando altri mezzi di trasporto solo se costretto dalla necessità.

Con dieci dollari al giorno (circa 7 euro) Fabes ha dormito ovunque: in tenda, nelle scuole, nei monasteri, nelle stazioni di polizia, nelle chiese e nelle moschee, mangiando e bevendo grazie alla generosità delle persone incontrate nella sua strada.

viaggio in bici6

Ho constatato che il mondo è il posto più amichevole e più accogliente di quanto pensassi. Ciò rafforza la mia fede nell’umanità. Quando si viaggia in bicicletta l’universo è dalla tua parte, ho avuto un sacco di ospitalità, ha detto il medico alla BBC.

Venticinque pneumatici, 12 catene per biciclette e due selle. Durante il suo viaggio Fabes ha riparato più di 200 forature nelle sue gomme e a seconda della stagione ha percorso tra i 40 e i 100 chilometri al giorno.

viaggio in bici1

viaggio in bici2

All’inizio la sua missione era quella di raccogliere fondi per il British Charity Merlin ma poi, nei vari paesi che ha visitato, ha aderito a diverse organizzazioni non governative prestando la sua assistenza negli ospedali. Fabes è stato coinvolto in progetti sanitari no profit in Cambogia, in Thailandia e Myanmar.

Mi sono reso conto che solo cercando e aiutando le persone che vivevano ai margini della società sarei riuscito a capire quei luoghi sperduti, ha spiegato Fabes

E’ così che la sua bicicletta l’ha portato tra i malati di Hiv, tra i giovani narcotrafficanti, tra i bambini vittime dello sniffing da colla.

A Kathmandu, c’è una clinica mobile che si occupa di questi bambini, la maggior parte sono orfani che vivono in strada. Ci sono poi i malati di lebbra che vivono ogni giorno aspettando la morte. Una delle esperienze più spaventose l’ho vissuta però in Perù. In piena notte, un ragazzo è entrato nella mia tenda e mi ha puntato una pistola, pensava fossi un ladro. Sono stati momenti brutti ma una volta chiarita la vicenda, siamo andati a mangiare una zuppa assieme, ha aggiunto.

viaggio in bici3

viaggio in bici4

viaggio in bici5

Ma Fabes durante il suo viaggio ha visitato anche luoghi meravigliosi, deserti, steppe, praterie, ghiacciai, luoghi impervi e suggestivi che ha visto trasformarsi a seconda delle stagioni.

Quando ero a Londra, preso dalla routine quotidiana, non avevo tanto tempo per riflettere. Durante questo viaggio in bici e in solitaria, ho trovato le risposte che cercavo, ha concluso il medico londinese.

Adesso che è rientrato a casa Fabes tornerà al suo lavoro in ospedale e racconterà in un libro il suo bellissimo viaggio lungo sei anni.

Tratto da: www-greenme.it